Ferrari “umiliata” dalla Mercedes e dalla Red Bull

Dove essere la gara da ricordare ed infatti la predizione di Mattia Binotto è stata azzeccata in pieno. L’ultimo Gran Premio della stagione sarà proprio da ricordare visto che la SF90 non è mai stata all’altezza delle avversarie, Mercedes in particolare, Red Bull quasi.

Leclerc si è dovuto accontentare, felice, di un terzo gradino sul podio non nella classifica iridata piloti visto che la vittoria per lui è sempre stata una chimera e Verstappen gli è sempre stato più competitivo

Una gara da ricordare per tutta una serie di situazioni che sono risultate imbarazzanti o comunque un bel amalgamare di problemi.

Il risultato di Leclerc è in discussione in quanto sulla sua monoposto sarebbe stata imbarcata più benzina di quella denunciata. Cosa significa? Oltre i 110 kg. consentiti o altro?.

Vettel che non è mai stato della partita e recrimina che all’inizio gara non gli è stato possibile utilizzare il DRS in quanto lo stesso non è stato sbloccato dalla FIA e quindi non ha potuto sfruttare la scelta delle gomme con battistrada più morbido.

Problema in comune con Bottas che ha fatto una gara impressionante di recupero attacchi e sorpassi. Se fosse partito dalla sua vera posizione in qualifica an he per Hamilton potevano essere sorci verdi.

Poi la gestione di pit stop, con il primo di Vettel in cui si sono palesati dei problemi all’immissione dei due cerchi di sinistra e una serie successiva di bloccaggi della ruota anteriore sinistra alla ripartenza. Evidenti problemi tecnici da analizzare attentamente in particolare per lo sviluppo del progetto della monoposto del prossimo anno.

Poi i pit stop combinati, in successione, non hanno portato a grosse perdite di tempo ma ad un incremento dello stress per i piloti che si sono lamentati delle prestazioni degli pneumatici stessi ed i meccanici sempre abbastanza precisi.

Non pensiamo che su entrambe le monoposto vi fossero forniture non all’altezza. Piuttosto i tecnici della Ferrari avranno il loro bel da fare per trovare una soluzione soddisfacente per il prossimo anno sfruttando i test in programma nei prossimi giorni anche con Sebastian Vettel.

Binotto ha dichiarato che il futuro più prossimo sarà di grande lavoro visto che in galleria del vento si sono manifestate ancora delle carenze per sviluppare il progetto, c’è molto da lavorare anche per le prossime festività.

Recuperare quasi 1″ al giro, per essere competitivi con la Mercedes di oggi non è certo un gioco da ragazzi, anzi bisogna fare molta attenzione alla Red Bull che, almeno con Verstappen, dà da pensare.