Non c’è molto rispetto per coloro che non sono “normodotati”

L’ufficio traffico del Comune di Modena non deve avere,come principio e filosofia di base, un certo rispetto per coloro che non sono “normodotati”, ovvero gli handicappati- 

In V.le Moreali, appena dopo l’incrocio con V.le Trento Trieste avrebbe dovuto essere posizionato un parcheggio riservato ai portatori di Handicap in quanto, a quell’altezza, ma dall’altra parte della strada, è posizionato un centro con 4 medici di base.

La posizione del relativo cartello, che vedete nella immagine lo rende praticamente invisibile, e pertanto non rispettato da parte del resto dell’utenza. 

Situazione che, nonostante alcune richieste di intervento da parte della polizia municipale, non ha avuto il ben che minimo esito, le macchine non sono state sanzionate ne rimosse come sarebbe previsto dal codice della strada. 

Una situazione che si protrae da parecchio tempo e sono passati almeno 5 mesi da quando la situazione è stata fatta presente di persona alla dirigenza in Via Santi ma nulla è cambiato.

Il vero problema è rappresentato dalla mancanza della segnaletica orizzontale che non è stata replicata dalla ditta che da oltre un anno ha effettuato i lavori di asfaltatura.

In 5-6 mesi da Via Santi non hanno  trovato tempo e volontà per ripristinare la situazione che provoca un serio disagio e spesso richiede di parcheggiare in una sorta di zona franca, ma non autorizzata, che si trova davanti ad un passo carraio di ampie dimensioni e tra la sede stradale e la pista ciclabile.

Questo non è l’unico caso presente in città proprio per il pensiero dilagante che si può definire una mancanza di rispetto e sensibilità. Daltronde con circa i 7.000- 8.000 permessi accesi di cui effettivamente  poco più della metà validi i loro “titolari” non rappresentano un interesse elettorale che possa avere un calibro tale da spostare il “governo” della città.