Ferrari pensiero rammarico delusione. reagire è d’obbligo già da domani

 La qualifica del Gran Premio di Germania a Hockenheim può sicuramente essere definita stregata per la Scuderia Ferrari. Due problemi differenti su entrambe le SF90 hanno impedito a Sebastian Vettel e Charles Leclerc di esprimere il potenziale mostrato fin dalla prima sessione di prove libere.

Vettel. La qualifica di Sebastian non è praticamente nemmeno cominciata. Al primo giro dopo essere uscito dai box il pilota tedesco ha avvertito un calo di potenza sulla sua vettura dovuto ad un problema di alimentazione del turbo. La SF90 numero 5 è riuscita a rientrare al box ma è stato impossibile porre rimedio al guaio in tempo per fargli continuare la qualifica. Sebastian partirà dunque dal fondo dello schieramento.

Leclerc. Charles ha invece passato il primo turno con il miglior tempo in 1’12”229 con gomma Soft, montando la mescola media per la seconda fase della qualifica. Con questo tipo di pneumatici, al primo tentativo, il pilota monegasco ha ottenuto 1’12”344 rientrando quindi al box. In garage è emerso che anche sulla sua SF90 c’era un problema, questa volta legato al sistema di controllo della pompa della benzina. I meccanici pure in questo caso hanno tentato di tutto per rimandare in pista Charles entro la fine del Q3 ma non è stato possibile. La SF90 numero 16 si schiererà al via dalla decima posizione.

Charles Leclerc #16
“È un peccato aver concluso le qualifiche in questa maniera. Il weekend fino al termine del Q2 stava andando nel migliore dei modi. Purtroppo queste cose ogni tanto accadono.
È molto difficile per una squadra perdere una vettura, ma quando accade di perderle entrambe diventa veramente dura da accettare. Detto questo, mi schiererò al via con ottimismo e credo che potremo combattere per guadagnare quante più posizioni possibili, specialmente nelle prime fasi della corsa.
Sono fiducioso per il fatto che abbiamo un passo gara interessante: tutto è possibile fino a che non sventola la bandiera a scacchi”.

Sebastian Vettel #5
“Contavo di divertirmi questo pomeriggio, perché la mia SF90 era stata molto competitiva in tutte le sessioni finora. Quanto è successo è un vero peccato. Avevo avuto ottime sensazioni dalla vettura ieri e questa mattina erano state addirittura migliori. C’era la possibilità di partire dalla prima posizione, invece prenderemo il via dall’ultima e questo è ovviamente deludente, specialmente perché è successo davanti a tanti tifosi nella mia gara di casa.
Non ci poteva essere un momento meno adatto per quanto è accaduto. Non ho avuto nessun tipo di avvisaglia del problema, tutto procedeva regolarmente ma quando sono uscito dalla pitlane mi sono ritrovato senza potenza. Comunque resto positivo, credo che possiamo ancora fare bene e darò il massimo per recuperare quante più posizioni possibile, sperando di riuscire a portare a casa almeno dei punti”.

Mattia Binotto Team Principal
“In questo momento proviamo rammarico e delusione, come squadra, per i nostri piloti, che oggi avevano una bellissima occasione, per la gente a casa, che sta lavorando veramente tanto, e per tutti i nostri tifosi.
Stiamo analizzando a fondo quello che è successo ma possiamo dire che si tratta di due problemi differenti e mai capitati in precedenza. Le prime indicazioni sulla vettura di Sebastian ci fanno pensare a un problema su un componente dell’intercooler di specifica già utilizzata in precedenza, montato nuovo. Per Charles si è trattato di un problema legato al controllo della pompa della benzina.
Abbiamo dimostrato che il nostro ritmo di gara è buono e dispiace a maggior ragione non aver potuto disputare le qualifiche sino in fondo.
Siamo arrabbiati con noi stessi e io per primo sento la responsabilità di quanto è successo, ma sono altrettanto consapevole che dobbiamo reagire e cercare di far bene già domani perché questo è il nostro dovere.”