Ferrari pensiero : Leclerc giro stupendo

Charles Leclerc e Sebastian Vettel partiranno rispettivamente dalla terza e dalla sesta posizione sullo schieramento di partenza del Gran Premio di Gran Bretagna che scatterà domani alle ore 14.10 locali (15.10 CET).

Q1. Nella prima parte della qualifica entrambe le SF90 sono scese in pista con gomme Medium. Sebastian è stato il primo a far segnare un tempo in 1’26”154, seguito poco dopo da Charles che ha fermato i cronometri a 1’25”628. Al secondo tentativo il monegasco è sceso fino a 1’25”533, mentre il tedesco ha ottenuto 1’25”898 con gomme Soft. Entrambi i piloti si sono qualificati per la fase successiva.

Q2. Nella seconda parte della qualifica Charles è sceso in pista ancora con gomme Medium, mentre Seb ha continuato a girare con le Soft già impiegate in Q1. Il pilota della SF90 numero 16 ha ottenuto subito un ottimo 1’25”646, mentre il compagno di squadra ha fermato i cronometri sul tempo di 1’26”529. Entrambi sono tornati ai box e rientrati sul tracciato con un treno nuovo di gomme Soft. Con questa mescola, con la quale entrambi prenderanno il via della corsa, Charles è sceso fino a 1’25”529, mentre Seb si è qualificato per la fase decisiva in 1’26”023.

Q3. Nei dodici minuti decisivi per l’assegnazione delle prime dieci piazzole dello schieramento i due piloti della Scuderia Ferrari si sono lanciati lungo i 5.891 metri del circuito di Silverstone con gomme Soft nuove. Il primo a fermare i cronometri è stato Sebastian che ha ottenuto 1’25”787, seguito pochi secondi dopo da Charles in 1’25”616. Dopo il rientro in garage per il cambio gomme il monegasco si è superato migliorandosi fino a 1’25”172 ad appena 79 millesimi dall’1’25”093 del poleman Valtteri Bottas e a 73 da Lewis Hamilton, secondo. Sebastian non è invece riuscito a migliorare il proprio tempo e prenderà così il via dalla sesta posizione sullo schieramento, alle spalle di Max Verstappen e Pierre Gasly.

Charles Leclerc #16
“Sono soddisfatto del risultato di oggi perché credo che siamo riusciti a tirare fuori il massimo dalla nostra vettura su questo circuito. All’inizio del weekend abbiamo faticato parecchio, specialmente con le gomme anteriori, ma oggi le cose sono andate molto meglio.
Per quanto riguarda la strategia, quella di partire con gomme Soft è stata una nostra decisione perché crediamo che quella sia la mescola migliore con la quale gestire le prime fasi della corsa. Le vetture davanti a noi avranno gomme Medium e magari potremo avere un inizio gara un po’ diverso dal solito.
Inoltre il meteo e le mutevoli condizioni della pista potranno giocare un ruolo decisivo nel corso del Gran Premio. Credo che ci siano gli ingredienti per avere una corsa interessante domani” 

Sebastian Vettel #5
“Questo weekend è stato fin qui caratterizzato da alti e bassi, e questo pomeriggio la tendenza si è confermata. Ho faticato a tirare fuori il meglio dalla vettura perché non riuscivo ad avere la giusta confidenza e non ero contento di come si comportava in pista.
Man mano che la qualifica è proseguita ho faticato ad avere ritmo nei giri lanciati. Tuttavia, guardando ai long run delle prove libere di questa mattina, devo dire che domani mi aspetto di essere più competitivo. Sembra che i nostri principali rivali saranno i favoriti e che noi potremo lottare con le Red Bull, ma vediamo che cosa succede domani in gara”.

Mattia Binotto Team Principal
“Siamo sicuramente contenti per le prestazioni odierne della macchina dopo le difficoltà di ieri. Durante la serata, anche grazie al simulatore, siamo riusciti ad apportare alcune modifiche di setup che hanno permesso ai piloti di aver più confidenza con la vettura e ad avere un bilanciamento migliore soprattutto sull’anteriore dove ieri soffrivamo.
Il giro di Charles è stato stupendo e gli è mancato poco per ottenere la prima fila. Domani partiamo con una scelta di pneumatici diversa rispetto ai nostri rivali, voluta, sulla quale puntiamo come variabile. Sappiamo che la gara sarà lunga con le gomme che si usureranno per tutti, ma la speranza che abbiamo è quella di avere trovato un assetto giusto che ci permetta di essere performanti anche sulla distanza.
Sebastian, da parte sua, non ha trovato nelle fasi finali della qualifica la giusta fiducia e confidenza con la vettura: è un peccato, perché siamo convinti avrebbe potuto fare una qualifica migliore.”