Nuovo Codice della strada Gli utenti vulnerabili: come trasgredire in libertà. Si potrà circolare senza nessun documento a bordo patente ecc. ecc.

Il nuovo codice della strada, ovvero le modifiche che sono in corso di approvazione, lascia molta perplessità per quanto riguarda dare un significato concreto alla parola sicurezza.

Compaiono gli utenti “vulnerabili” ovvero pedoni ciclisti e in aggiunta i ciclomotoristi e motociclisti. Per quanto riguarda i ciclisti non hanno limitazioni alla loro presenza sulla pubblica strada nonostante i milioni di euro che molti comuni stanno spendendo nel realizzare delle piste ciclabili loro dedicate riducendo le carreggiate a disposizione del traffico veicolare e che pertanto non verranno ancor più utilizzate.

Ciclisti cui non viene reso obbligatorio, dopo i 12 anni, l’uso del casco, cui non sono previste sanzioni se il loro mezzi sono privi dei segnali distintivi di presenza. Cosa giusta, sarebbero righe sprecate, in quanto comunque già quelle attualmente in essere non vengono comminate dalle forze dell’ordine

“Il minimo della sanzione comminata ad un pedone o a un ciclista, ammesso che venga pagata, ha comunque un costo per tutto il suo iter burocratico all’interno dell’amministrazione interessata che è superiore ai 25€ che si possono incassare” ci ha confermato un addetto ai lavori, lasciando ipotizzare che esista una “sollecitazione” a non elevarle.

Il sorpasso dei ciclisti sarà possibile solo lasciando uno spazio minimo di 1,5 metri oppure bisogna accodarsi ed effettuare il sorpasso a velocità ridotta.

In sintesi vi immaginate quanti saranno i ciclisti che si butteranno a terra dicendo che non stati investiti anche grazie ad uno scarto all’ultimo momento quando la macchina è a fianco?

Si parla di limiti di velocità a 30km/h che poi gli stessi operatori di settore affermano che non sarà possibile controllarli in quanto, in città quasi mai esistono gli spazi necessari per predisporre gli avvisi di controllo previsti, già ora, per legge.

I neo patentati potranno guidare vetture che hanno potenza e velocità superiori a fronte dei limiti in essere nel primo periodo di validità della patente se al loro fianco vi è una persona con patente di guida di pari grado o superiore e con età inferiore ai 65 anni. Apertura assurda in quanto la persona a fianco non ha nessuna possibilità di intervenire materialmente se non avvisando verbalmente del pericolo, avviso che può mandare in ulteriore panico il guidatore inesperto.

Qualche accenno agli obblighi nell’uso delle cinture di sicurezza con la corresponsabilità del guidatore proprietario anche in presenza di persone maggiorenni ed in grado di intendere e volere. Unico modo per salvaguardarsi per chi guida è mettere a piedi a bordo strada, non farle salire in auto.

Nuova segnaletica orizzontale per i parcheggi delle ambulanze di colore rosso e possibilità, assurda, della presenza a bordo del mezzo di persona terza purché questa non interferisca nelle operazioni di soccorso. Non è specificato se la stessa deve essere solo alloggiata, davanti, in abitacolo.

Entreranno in vigore gli obblighi di avviso sul mezzo delle sanzioni comminate, fermo restando che dovranno esserne definite le caratteristiche.

Incrementate le sanzioni per l’ uso di strumenti elettronici in auto. Si è persa l’occasione per comminare anche il sequestro dello strumento per un periodo equivalente a quello della sospensione della patente. Detergente di maggiore interesse.

La lanterna di colore giallo non potrà avere un’accensione inferiore ai 3 secondi. Tempo che poteva essere incrementato come quello di adottare anche un periodo 3-5 secondi in cui tutte le laterne di un incrocio fossero sul rosso.

Sarà poi possibile, in quanto non vi sono sanzioni previste, non avere nessuno dei documenti che devono oggi essere presenti a bordo del mezzo ( patente, carta di circolazione e forse anche certificato assicurativo) in quanto la presenza e validità degli stessi saranno verificabili in via telematica da parte delle forze dell’ordine in caso di controllo.

Ovvero anche in presenza del più insignificante degli incidenti, con soli danni materiali, sarà obbligatorio chiamare l’intervento dei Vigili che già ora sono oberati di lavoro, per conoscere la presenza in validità di questi documenti.