F1: ma quanti belli fori ad asola madama Dorè

L’affare Vettel, il nuovo dominio delle Mercedes e tutto quanto appare alla luce del sole della F1 sembra essere caratterizzato da un lato oscuro.

A smascherare o comunque, anche solo insinuare una nuova situazione da inghippo tecnico, nel rispetto del regolamento da manuale, sembra siano venuti in supporto le riprese in alta definizione e velocità che fanno parte dell’archivio di produzione e sono oggetto di attenta analisi nel dopo gara.

Un analisi che non ha come obiettivo quello di sanzionare situazioni anomale a posteriori, ma di creare una data base da cui si possa accedere e confrontare, per il futuro.

Nel contempo i responsabili nel controllo di settore facenti capo allo staff di Liberty Media, che sono per buona parte acclamati progettisti di fine millennio nelle più prestigiose squadre, hanno pensato bene di inviare delle note informative, ben specifiche, per quanto riguarda la realizzazione di un pò tutte le componenti della monoposto, in particolare di quelle che possono essere oggetto di flessioni o movimento di qualsiasi tipo, tali da incrementare le prestazioni delle monoposto, quando le stesse sono in pista e l’aria le “impatta” ad alta velocità.

Spoiler ed alettoni sono il fulcro dell’interesse ma anche tutto quel “groviglio” di supporti e piani dalle forme più disparate, esistenti appena davanti alle prese d’aria per le pance laterali.

Oggetto dell’analisi e delle prossime restrizioni, già a partire dal G.P. d’Austria, sono i fori entro cui far passare viti e bulloni di fissaggio.

La loro forma, dei fori, da ora in poi, dovrà essere esclusivamente circolare e di un diametro adeguato al passaggio del bullone, non oltre.

Nessun foro potrà avere delle direzioni allargate ed allungate ad asola in qualsiasi direzione, non solo sull’asse verticale.

Le indagini, oltre a quanto percepito visivamente e con sospetto alle massime velocità, sono state intraprese per i mormorii, accusatori, che le varie squadre hanno “cinguettato” al potere inquisitorio sia pure senza fare ricorso ad un esplica situazione di reclamo. Tutti contro tutti.

Sarà interessante scoprire se, nei prossimi appuntanti a partite da questo fine settima in Austria, sia in fase delle verifiche tecniche e prove statiche di ricerca di flessione, basterebbe incrementare il carico da apportare, e la misura dei diametri dei fori, andranno a corrispondere a differenti prestazioni, meno performanti, in pista.