La nuova tappa Ferrari a fronte della penalizzazione di Montreal “revisione”

La Ferrari ha ricevuto dalla F1 delle immagini che sinora non erano state rese disponibili e mettendosi nelle mani degli specialisti in analisi dei filmati ad alta velocità e qualità sono state scoperte delle situazioni che ribalterebbero quanto deciso dai commissari in occasione del G.P. del Canada con conseguente penalizzazione di Sebastian Vettel a favore di Lewis Hamilton.

Viene da domandarsi come mai tutto questo materiale sia stato fornito in questi ultimi giorni alla Ferrari e non sia stato reso disponibile al momento o comunque nelle ore appena successive per le decisioni di merito.

Non ci si venga a far credere che non è stato reso disponibile solo perché non è stato richiesto. Poteva essere “offerto” per evitare che sull’accaduto si innescasse un qualcosa che non ha fatto bene alla F1. Una macchia che una delle società che gestisce delle scommesse di settore ha subito deciso di onorare, come vincenti, anche i tagliando che portavano la puntata sulla Ferrari di Vettel.

Si potrebbe azzardare che la F1 ha bisogno assoluto della vittoria ottenuta da Vettel, in pista, per destare maggiore interesse su una categoria che lo strapotere della Mercedes corre il rischio di far diventare poco appetibile da parte dei telespettatori con tutto quello che ciò comporta direttamente e per l’indotto.

L’analisi di quanto reso disponibile dalla F1, con viste dalle telecamere poste anche sulle monoposto, ha destato parecchi dubbi, per non dire certezze, sulla erroneità della penalizzazione inferta a Vettel in particolare perché dall’uscita nell’erba del pilota della Ferrari ne avrebbe tratto un vantaggio cronometrico stimato in 2″ Lewis Hamilton.

La Ferrari pertanto ha deciso di non demordere indirizzando la propria decisione verso una nuova forma di reclamo: la “revisione” di quanto deciso nelle mani della Fia e di Liberty Media che ha la gestione dell’attuale momento della F1.

Dove come e quando? Si parla di un primo incontro tra le parti interessate nella giornata di giovedì, come momento in cui discutere in terra di Francia prima del G.P. sul circuito francese di Le Castellet programmato in questo fine settimana.

La Ferrari ha a disposizione materiale “scottante” ed ufficiale, non generato di parte, Cavallino Rampante, ma solo analizzato a Maranello e dintorni. Altra cosa che viene da domandarsi è: quale potrà essere la decisione della Mercedes che non potrà assistere passivamente ammesso che il materiale non sia di una evidenza tale che non vi siano possibilità di smentita.

Si tratta di una patata bollente che scotta molto e rende ancor più caldo il clima che si è creato in questa calda estate. La Ferrari rende così ancora più importante la sua partecipazione a questa gara in cui deve dimostrare in pista che la SF90 ha prestazioni che sono superiori all’attuale versione della W10. Solo così potrà avvalorare il proprio comportamento.