67 miliardi di € è quanto gli automobilisti hanno versato all’erario l’anno passato.

Paolo Berni ex pilota modenese negli anni 80-90, lasciata l’attività agonistica dilettantistica per dedicarsi ad essere un “Maitre Ciocolatier”, ci ha dato alcuni spunti “artistici” nelle sue creazioni per interpretare quello che può essere la simbiosi con lo stato d’animo dell’automobilista.

A suo tempo ci propose una gallina, di cioccolata amara che giudica la più pregiata, avvolta in una carta d’alluminio dorata con le relative uova, per interpretare la parte di attore “protagonista” per quanto riguarda il suo apporto a risanare l’erario dello stato italiano, contravvenzioni a parte.

A forza di questa richiesta di uova, non solo dorate ma che sono diventate del valore di quelle di platino, ora la sua nuova interpretazione è relativa ad una gallina di pezza, rimpinzata di cioccolata ma tutta strascicata, all’orlo quasi del collasso.

Dopo averla esposta in vetrina, in via Scanaroli, ha voluto dedicargli un ricordo, quasi alla memoria, con un piccolo mazzolin di fiori che sembrano interpretare in concreto la situazione attuale con cui Berni vede un grosso peggioramento della situazione d’essere automobilista.

Stando che lui, per lavoro viaggia molto in autostrada si trova a notare come molti utenti, camionisti compresi, usano il telefonino, leggono i giornali, la rosea è quella maggiormente individuabile, e chi anche fa uno spuntino ad una velocità compresa da un minimo di 80 all’ora fino agli oltre 130 all’ora.

Parlandone si nota in lui una accentuata preoccupazione ed alla necessità che vi sia una situazione di controllo maggiore mettendo maggiori controlli, oggi anche all’uso dei monopattini, quelli elettrici che sfrecciano in ogni dove sulla strada.