Motor Valley Fest per cercare di seguire un pò del programma sin troppo ricco bisogna assumere una segretaria che ti gestisca l’agenda

A leggere il pieghevole del programma relativo alla 1a edizione del Motor Valley Fest bisogna assumere una segretaria che ti organizzi e gestisca le opportunità di seguire, anche solo toccata e fuga, per gli eventi che possono interessare.

Le scelte sono obbligatorie in particolare se si vuole sfruttare l’opportunità di visita dettata dalle 36 pagine, altrettanti luoghi, presenti sul Passaporto che però chiede di estraniarsi per almeno 2 0 3 mezze giornate da quanto avviene a Modena.

Un iniziativa che è anche abbastanza costosa per i trasferimenti obbligatori visto che si spazia da Parma sino alla Riviera con digressioni fuori dall’asse della via Emilia a Ferrara, Ravenna e Porretta.

Solo domani, giorno di inaugurazione ed apertura dei lavori, gli orari sono abbastanza “diffusi” per cui si possono seguire molte cose subito dopo il convegno sull’Automotive e prima delle 18 quando è prevista l’inaugurazione ufficiale nel cortile d’onore dell’Accademia Militare.

Già da venerdì vi sono 23 appuntamenti che diventano quasi 30 al sabato di cui 2 alla pista di Marzaglia ed alla domenica si scende a 24 sempre con la trasferta a Marzaglia ed al parco Ferrari.

Nei 4 giorni, infatti ci sono pochi programmi ripetitivi salvo alcuni casi e per dare tanto ben di Dio gli organizzatori sono stati costretti alle sovrapposizioni di orari, anche con argomenti “similari” tra di loro.

Per fortuna che è saltato l’appuntamento alla Fiera di Modena, con il trasferimento in città di quanto previsto. Opportunità questa che consente di avere circa un ora di più risparmiata nel trasferimento per concentrasi su quello che è in città.