La Ferrari per il G.P. di Spagna predilige le soft banda rossa

Le squadre di F1 hanno definito le proprie necessità per il G.p. di Spagna per quanto riguarda la scelta delle caratteristiche di “morbidezza” del battistrada.

Ferrari, come pure Red Renault ed Alfa Romeo, ha optato per una scelta che si potrebbe definire più aggressiva ed hanno richiesto ed ottenuto la fornitura di 9 treni completi di pneumatici con il battistrada più morbido tra quelli che il fornitore unico ha messo a disposizione in funzione dei propri riscontri.

Mercedes ed altre squadra hanno optato per delle soluzioni più conservative che hanno fatto scegliere un treno in più tra quelli della categoria C2 con un battistrada che è più duro e di norma tra i 6/10 ed il 1″ più lento sul giro a fronte di quello più morbido C3.

La Ferrari, nei test di sviluppo invernali che si sono svolti sempre su questo tracciato dove si corre il primo degli appuntamenti in Europa, aveva concentrato molto del proprio lavoro di sviluppo e messa a punto della SF90 utilizzando le gomme di tipologia C3, alias con la banda di identificazione red.

All’interno della Ferrari poi vi è una scelta differente tra il numero di treni disponibili, Tra Vettel e Leclerc, cose di poco conto.

Le scelte effettuate tengono conto anche delle differenti temperature che le squadre andranno a trovare a fronte dei test invernali, Differenze che andranno ad incidere anche sulla densità dell’aria e quindi di quelle che saranno le efficienze nelle prestazioni aerodinamiche.

Stando alle indiscrezioni la Ferrari dovrebbe portare in Catalogna sostanziali modifiche sulla SF90 per cercare di ridurre le carenze messe in evidenza sul mantenere il range di temperature ottimali degli pneumatici, in funzione dei differenti momenti di gara quando la monoposto si alleggerisce a fronte del massimo dei 110 kg. di carburante che si può imbarcare.

Nonostante l’incremento dei “consumi” possibili, concessi dalla Fia per questa stagione, anche nelle prime gare della stagione si sono manifestate delle strategie”conservative” per garantirsi il transito sotto la bandiera a scacchi senza correre un rischiotroppo concreto di rimanere a secco..