Leclerc passeggia per Baku ma non è per il panorama

Sebastian Vettel e Charles Leclerc hanno vissuto il giovedì di Baku tra attività con i media, riunioni con i tecnici e il track walk. I due piloti della Scuderia Ferrari Mission Winnow hanno ispezionato il tracciato cittadino della capitale azera prima di riunirsi con gli ingegneri e i tecnici per i primi meeting di allineamento in vista dell’attività di pista che incomincerà domani.

Pronti a far bene. Il primo a incontrare i giornalisti è stato Sebastian Vettel che ha raccontato di essere preparato a un venerdì di lavoro: “Avremo degli aggiornamenti che dovremo provare e verificare se ci possono aiutare ad ottenere i risultati che ci aspettiamo”. Sulla possibilità di poter concorrere per la vittoria in campionato il tedesco non ha mostrato alcun dubbio: “Siamo ancora in condizione di potercela giocare. Nelle prime tre gare le cose non sono andate come speravamo, forse i nostri avversari hanno avuto un po’ più di quello che avrebbero meritato e noi un po’ meno, ma stiamo lavorando per invertire la tendenza e provare a cambiare le cose. Resto convinto che abbiamo un pacchetto molto competitivo e che se riusciamo a farlo funzionare correttamente possiamo essere molto molto veloci e rendere la vita difficile ai nostri rivali”.

Questa pista mi ha sempre sorriso. Pochi minuti dopo nella hospitality del team a sedersi di fronte ai cronisti è stato Charles Leclerc che ha rinnovato la sua preferenza per il tracciato di Baku: “Adoro tutti i circuiti cittadini, ma devo dire che questo mi ha sempre sorriso sia in Formula 2 che in Formula 1 dove l’anno scorso ho ottenuto i miei primi punti”. Il pilota monegasco si aspetta di essere competitivo e vuole puntare al massimo risultato anche se ha affermato di non essere affatto ossessionato dall’idea di conquistare la sua prima vittoria in Formula 1: “Se ho un obiettivo è quello di far bene, di lavorare per estrarre il massimo potenziale dalla vettura e di portare a casa i migliori risultati possibili. Naturalmente non sto dicendo che non sono impaziente di conquistare la mia prima gara nella massima categoria, però ritengo che sia sbagliato focalizzarsi sulla vittoria prima che sul lavoro. Cominciamo da quello, sono convinto che raccoglieremo i risultati che cerchiamo”.