Cina: il regolatore del mercato fa richiamare 524 Ferrari per controlli

Il regolatore del mercato auto cinese ha annunciato che 524 esemplari di vetture commercializzate dalla Ferrari, saranno sottoposte a richiamo per interventi di sicurezza da effettuare dal prossimo 22 maggio.

I problemi che hanno fatto scattare il provvedimento sono rappresentati da: rischio di incendio e porte difettose.  Interessati sono 167 esemplari dei modelli GTC4Lusso e GTC4Lusso T che sono uscite dalle linee di montaggio di Maranello tra un periodo compreso tra il 13 luglio 2016 e il 6 dicembre 2018.

Secondo le dichiarazioni ufficiali dell’ente preposto a questi controlli Il problema riscontrato, che ha fatto scattare il provvedimento, è legato ad un problema che si manifesta al meccanismo della serratura della porta. I proprietari si possono trovare nella impossibilità di accedere all’interno del veicolo azionando le maniglie posizionate all’esterno

Oltre a questi problemi se ne sarebbe riscontrato uno che si può definire più serio: il separatore di vapori di carburante potrebbe rompersi e lasciare liberi i fumi di uscire, incrementando le possibilità che si inneschi un rischio di incendio.

L’inconveniente interesserebbe 357 esemplari suddivisi tra i modelli: GTC4Lusso, GTC4Lusso T, 488 GTB, 488 Spider, 488 Pista e 812 Superfast, tutti prodotti tra il 2 novembre 2017 e l’11 ottobre 2018.

La casa di Maranello ha annunciato il programma di richiami in loco per risolvere i problemi segnalati, sia sostituendo le serrature delle porte, le maniglie, sia intervenendo sui separatori dei vapori di carburante, senza nessun aggravio economico per i possessori di questi modelli