Automobilisti ATTENZIONE:Sequestrati e ritirati 5.000 pneumatici non conformi e potenzialmente pericolosi per la sicurezza.

Nell’ambito della capillare attività di controllo e monitoraggio dei flussi marittimo-commerciali, operata nell’ambito del porto di Genova, i finanzieri del II Gruppo della Guardia di Finanza di Genova ed i funzionari dell’Agenzia delle Dogane di Genova 2, hanno sequestrato, presso il bacino di Prà Voltri, una notevole quantità di merce potenzialmente pericolosa.

Si tratta di 5 container di pneumatici provenienti dalla Cina, per un peso complessivo di circa 52 tonnellate, l’equivalente di circa 5.000 gomme, destinate ad una società di commercializzazione all’ingrosso avente sede nell’hinterland milanese che ne avrebbe poi curato la distribuzione sul territorio nazionale mediante una rete di gommisti per la vendita.

L’importante sequestro di pneumatici recanti mendaci indicatori prestazionali, uno dei più imponenti mai operati in Italia, trova collocazione nella specifica attività di contrasto all’importazione ed alla distribuzione, sul territorio nazionale, di merce non rispondente agli standard qualitativi e di sicurezza previsti dalla restrittiva normativa di settore.

Gli pneumatici rinvenuti riportavano, non solo false informazioni di fabbricazione, attraverso l’apposizione di date posteriori a quelle di effettiva produzione, ma certificavano livelli di efficienza prestazionale dubbi e potenzialmente pericolosi; un complesso sistema di frode ingegnosamente ideato avente la finalità di porre in commercio pneumatici dichiarati adeguati a qualsiasi condizione metereologica, ma in realtà non in possesso di tali requisiti.

Un pneumatico postdatato non può essere commercializzato perché la data di fabbricazione è un obbligo di legge a livello mondiale che non può essere derogato. Questa è un’importante informazione per il Costruttore del pneumatico che, nel caso riscontrasse un problema, deve prontamente informare l’Autorità competente e porre in essere azioni finalizzate a diffondere la conoscenza presso i consumatori fino al richiamo del prodotto stesso.

Una data di fabbricazione errata non consente la tracciabilità del prodotto.

La data di produzione non ha nulla a che vedere con la data di scadenza del pneumatico che non può essere definita preventivamente all’atto della fabbricazione in quanto dipende dalle condizioni di immagazzinamento (temperatura, umidità, fonti di calore, luce, ecc.) e dalle condizioni di utilizzo (tipologia di auto, strada, stile di guida, manutenzione, ecc.).

Il Direttore di Assogomma Fabio Bertolotti, ha sottolineato l’eccezionalità dell’operazione posta in essere dalla Guardia di Finanza e dall’Agenzia delle Dogane dichiarando: “il sequestro operato rappresenta il primo esempio su scala internazionale di ritrovamento di pneumatici con data postergata: una grave non conformità che, oltre a configurare gli estremi della contraffazione, può costituire un elemento di pericolosità per la sicurezza stradale. Assogomma e Federpneus da sempre pongono il rispetto delle regole al centro della loro attività congiunta con particolare riguardo alla sicurezza stradale”.