Roberto Marazzi ex pilota é il nuovo direttore all’autodromo di Imola

Uberto Selvatico Estense ed il CDA di gestione dell’autodromo di Imola hanno chiamato alla direzione dell’impianto Emiliano Romagnolo, intitolato alla memoria di Enzo e Dino Ferrari, Roberto Marazzi.

Ex pilota e da tempo uomo di grande esperienza all’interno di varie tipologie di organizzazioni per i vari campionati di Automobilismo, a Roberto Marazzi spetta il gravoso compito di portare al massimo tutte le tipologie dei programmi sportivi che si dovranno iscrivere per il futuro.

Il tracciato bisogna ricordare che è omologato anche per la F1 ed alla fine l’obiettivo dei gestori è quello di rientrare nel circus a partire dal 2021, quando inizierà la nuova era socio-economica della massima Formula, ora di proprietà, nella gestione, di Liberty Media.

Un assunzione che tiene conto anche degli aspetti più ampi, nelle solite problematiche che hanno accompagnato le vicissitudini dell’impianto molto vicino alla città da cui è diviso solo dal fiume Santerno, e dall’inserimento di unità residenzialiche poi si sono rivoltate contro l’impianto stesso.

Marazzi dovrà essere molto abile nell’inserire sia un ampio programma motoristico a due e quattro ruote, sia di tante altre iniziative, senza escludere quelle culturali negli ampi spazi disponibili nella zona del paddock.

Avrà di sicuro a che confrontarsi con la politica in funzione dei prossimi appuntamenti che vedono molte scadenze importanti e legate alla possibilità, opportunità, di poter disporre non solo della continuità nei permessi attualmente in essere ma anche di quelli che possono essere i supporti economici regionali previsti a favore dello sport.

E’ ovvio che, se si lavora avendo come obiettivo la F1, bisogna pensare a trovare una intitolazione prestigiosa della gara che non vada in confronto con il G.P. d’Italia che è “dedicato” al solo tracciato di Monza,