Allarme affidabilità in Ferrari sembra avere ceduto il motore sulla SF71H di Raikkonen

E’ allarme affidabilità in casa Ferrari. Kimi Raikkonen non ha potuto effettuare la simulazione del long run oggi pomeriggio sul circuito di Montmelo per una fumata molto preoccupante che è fuoriuscita dallo scarico del 6 cilindri, montato sulla sua SF71H.
Ha potuto percorre solo 16 giri nel pomeriggio, meno della metà rispetto agli avversari diretti.

Non solo, la preoccupazione sembra dettata anche dal fatto che il motore oggi stesse girando senza dover essere spremuto al massimo in funzione della distanza minima dei 7 gran premi da effettuare per ogni unità in stagione. Questo appuntamento è il 5° dei 21 previsti.

Prima di prendere e fare delle previsioni affrettate, bisognerà attendere l’esame dello stesso motore che molto presumibilmente se dopo l’esame in loco non dovesse essere “assoluto” e quindi continuare ad essere utilizzato nel fine settimana, molto improbabile, potrebbe essere spedito velocemente a Maranello per l’analisi approfondita con le preoccupazioni del caso e le eventuali precauzioni da prendere sulle unità presenti in Spagna.

Nel caso, viaggiando tutta notte, già nella tarda mattinata di domani questo motore potrebbe essere alla GES ed essere analizzato nel suo intimo.

Oltre a ciò si determina una strana situazione di classifica che ci ricorda l’abitudine del recente passato quando la SF70H dell’anno passato non era la prima delle monoposto.

Al termine del lavoro di oggi, Hamilton ha imposto la sua superiorità con una Mercedes che sembra essere ritornata una vera freccia d’ Argento oltre che stella. E’ inseguito dall’accoppiata Red Bull Ricciardo, che nonostante un problema che ha prodotto lavoro extra, ai suoi meccanici ha preceduto Verstappen. Quinta, sia pure con un distacco minimo nei confronti dell’olandese, vi è la SF71H di Sebastial Vettel che ha preceduto Valtteri Bottas e Kimi Raikkonen. Questi pacchetto di piloti è raccolto in appena 6/10 mentre chi segue, le due Haas che hanno stupito per le prestazioni sono ad oltre 1″3.

Allarme affidabilità a parte, in casa Ferrari sembra vi sia una certa soddisfazione per il ritmo gara di Vettel con le gomme a battistrada Soft che preoccupa Hamilton, i tecnici Mercedes e Toto Wolff

Stando alle indiscrezioni, sembra che questo tipologia di gradazione gomme sarà la regina nelle qualifiche di domani per i topo team in Q2 per poterle utilizzare nel primo run di gara e quindi stabilire una più ampia strategia di gara per i pit stop.

La SF71H è nel mirino del direttore di gara, del responsabile aerodinamico di LIBERTY MEDIA per quanto riguarda l’ardita e avveniristica soluzione relativa al nuovo posizionamento degli specchietti retrovisori rialzati, come concesso dalla FIA per dare una maggior e più sicura visione posteriore per i piloti.

La monoposto è risultata, nelle verifiche, conforme ai limiti del regolamento ma evidentemente gli avversari rumoreggiano e soffiano sulle braci, ma senza presentare un reclamo vero e proprio, in quanto battuti sul tempo dai tecnici di Maranello che finalmente sembrano avere avuto una migliore e più rapida interpretazione del regolamento “emendato”