F1: fare chiarezza su se stessa oggi non piace ai suoi appassionati che disertano le dirette le repliche televisive

Nonostante i risultati conseguiti dalla Ferrari, in questo inizio di stagione, risultati che avrebbero potuto essere più eclatanti e remunerativi sia per la classifica piloti sia quella dei costruttori, se non vi fossero stati una serie di inconvenienti e chiamiamole “incomprensioni”, il pubblico degli appassionati della F1 si sta allontanando per una serie molteplice di situazioni.

Gare poco avvincenti, gare decise dalle safety car (siano esse virtuali o materialmente presenti) decise dai pit stop compresi pacchiani errori.

Gare trasformate in autoscontro che non solo non sono edificanti ma non sono anche istruttive ed educative per i giovani che vedono molte marachelle, per usare un eufemismo, rimane impunite sia da parte dei commissari di gara sia da parte della Federazione che fa del proprio fiore all’occhiello la sicurezza.

Di tutti questi problemi bisogna che si faccia chiarezza ed è auspicabile che in occasione della prossima gara di Spagna si gettino le basi concrete che non devono essere solo l’assenza delle ragazze sullo schieramento di partenza, il confronto per la suddivisione dei “premi” in denaro, come quali e quanti dovranno essere i motori a partire dal 2021.