F1: Se a Vettel incrementano la punizione e niente ad Hamilton Marchionne tenga le monoposto a Maranello per la prossima gara

Vettel ha dato una “ruotata” ad Hamilton una ruotata di tale intensità e pericolosità  che nessuna delle monoposto è  risultata danneggiata, nessun pneumatico si è sgonfiato o dechappato. Eppure punizioni, processi, deferimenti e più ne ha più ne metta. Una caccia alle streghe per un comportamento lesivo dell’immagine della F1. Sopra tutto  invece si è fatto arrivare al pettine il nodo di come la giurisprudenza sportiva gestisce gli episodi che avvengono durante i weekend di gara in modo opinabile. Ribadisco le analisi devono essere fatte a freddo a partire dal lunedì usando tutta la tecnologia a disposizione, con calma e discernimento. Gli inglesi non sono soddisfatti delle punizioni  comminate ed hanno “obbligato” la  Federazione Internazionale a tornare su un episodio già analizzato e sanzionato dal collegio dei Commissari Sportivi presenti a Baku. L’automobilismo ci sembra essere la fotocopia dell’Italia dove esistono almeno due se non tre organi giudicanti differenti per interesse e giurisdizione.  La sanzione inflitta a Vettel è definita da un preciso articolo del Regolamento Sportivo di F.1. I commissari sportivi, in ragione di ciò hanno giudicato la manovra di Vettel potenzialmente pericolosa. Con quale livello di potenzialità visto che non vi è stato il minimo danno materiale su delle monoposto che spesso hanno dei componenti che si rompono anche solo  se starnutisci forte e troppo vicino.   Gli è stato comminato uno stop & go di 10 secondi.

Gli inglesi hanno fatto dare fiato alle trombe dei “loro” media e  la FIA è stata chiamata in causa perché riesaminasse nuovamente sull’accaduto.

La Federazione Internazionale  che ha messo Vettel sotto inchiesta ci deve spiegare che immagine ha dato Hamilton al mondo dei telespettatori più giovani. Ha guidato per giri e giri con una mano sola. L’altra era impegnata a trattenere un componente della sua W08 in palese situazione di GRANDE pericolosità, per se stesso per tutti i piloti che lo seguivano in pista e per tutti coloro che lavorano a bordo pista per la sicurezza della gara: Queste immagini avevano invece un  livello di eroicità da propagandare, paragonabili a quello che avviene  quando si guida con una mano sola e coll’altra si telefona. Situazione  sanzionata GIUSTAMENTE.

Allora se tanto mi da tanto anche Lewis Hamilton deve essere sanzionato per avere  dato un immagine lesiva della F1 visto che avrebbe potuto subito rientrare ai box per la “riparazione”

Se il comportamento di Hamilton continua a passare “inosservato” e se su Vettel si accanisse ulteriormente la mano del censore, auspicherei che Sergio Marchionne, di certo gli estremi i legali della Ferrari potrebbero trovarli, tenesse a Maranello in GES le SF70H per la prossima gara.